lunedì 30 settembre 2013

Difesa personale al femminile: fantasia o possibile realtà



Sabato 28 settembre si è svolto il primo di una serie di stage dedicati alle donne, per iniziare a far conoscere i concetti ed i principi per la difesa personale, cercando di far capire la differenza tra fantasia e realtà.
Il nostro pensiero su questo delicato argomento, ce lo siamo fatti negli anni combattendo in ogni angolo d'Europa e qualche volta oltreoceano, ed elaborando le nostre esperienze con donne che ci hanno dimostrato nei fatti la differenza tra teoria e pratica.

Le nostre conclusioni sono che una donna che vive una vita normale (quindi non una fighter professionista), difficilmente potrà difendersi scambiando pugni con il proprio aggressore, dando la fatidica ginocchiata tra le gambe o usando lo spray al peperoncino; non prendiamo nemmeno in considerazione la difesa da armi da taglio o fandonie simili che sono pura immaginazione.
Secondo la nostra idea una donna nella maggior parte dei casi, viene attaccata per un motivo molto semplice, che tutti possono sapere e quindi si tratterà di allenare esclusivamente una metodologia che consentirà di apprendere,con il tempo e l'impegno necessario, come liberarsi dalle prese nella fase in piedi e come porre dei paletti per poi scappare o reagire nella fase a terra.
Poche tecniche, ben allenate e con la chiara e sincera idea che non basta uno stage per imparare qualcosa di veramente serio, ma che ci vuole un percorso formativo e molta determinazione.

Questo è solo il nostro pensiero, maturato negli anni e nella costante pratica di arti lottatorie, allenamenti quotidiani e con la mentalità che contraddistingue la nostra scuola.

Ps: a breve comunicheremo le date dei nuovi stage sia qui, che sulla nostra pagina facebook.
Per informazione non esitate a contattarci.

Spirit and body Training